lunedì 14 dicembre 2015

Recensione "Vento di Kornog" di Alessia Litta

Buongiorno lettori e buon inizio settimana! Come state? Io in questi giorni, grazie all'iniziativa SOTTO L'ALBERO DI NATALE ho abbracciato lo spirito natalizio, mettendomi ad esaudire qualche piccolo desiderio. Domattina dovrei andare in posta a spedire un po' di cosine, sperando che servano a regalare un po' di sorrisi.
Comunque sia, chiacchiere a parte, oggi sono qui per lasciarvi il mio parere riguardo a un romanzo made in Italy uscito da pochi mesi, Vento di Kornog di Alessia Litta. È la prima volta che leggo qualcosa di questa autrice e devo dire di essere rimasta positivamente colpita.



Vento di Kornog
Alessia Litta
Romanzo auto-pubblicatoPagine 221
Rilegato N/D ● Brossura 8,51 € ● Ebook 0,99 €

Trama: Claire, italiana d'adozione, non ha ricordi della sua infanzia, ma possiede l’abilità di leggere le memorie degli oggetti e delle persone che tocca. Quando, per caso, si trova fra le mani una lettera di sua nonna, creduta morta da anni, si rende conto che le sono state raccontate molte bugie. I suoi genitori, infatti, non solo l’hanno tenuta lontana dalla Bretagna - sua terra d’origine - senza spiegarle le ragioni, ma le hanno nascosto che lei è la causa della loro fuga dalla Francia. Qualcosa è accaduto quando era solo una bambina. Qualcosa che non ricorda. Determinata a capire, Claire decide di raggiungere la Bretagna.
E in quella terra di leggende, battuta da venti e tempeste, si imbatterà nei Laouenan, ricca famiglia che vive in un maniero arroccato su una scogliera. Qui scoprirà che un segreto terribile circonda l’enigmatico e taciturno proprietario da cui tanto si sente attratta, e che un filo sottile li lega. Ma sarà solo scavando nel passato dei Laouenan, tra intrighi, rivelazioni raccapriccianti e nuove amicizie, che Claire troverà la verità su se stessa, e potrà così riprendersi ciò che ha perduto.


Recensione
A seguito della morte della madre, Claire, una giovane donna appassionata di fotografia, decide di mettere momentaneamente in pausa la sua vita per prendersi cura di suo padre, rimasto solo.
Quando un giorno però trova tra le sue cose una lettera che arriva dalla Bretagna, che sembra essere stata spedita da quella stessa nonna che credeva defunta da tempo, la curiosità di Claire si accende e la sua voglia di verità prende il sopravvento su tutto il resto.
Perché i suoi genitori hanno deciso di tenerle distanti tanto a lungo, arrivando addirittura a mentirle a riguardo? E perché, ogni volta che in passato ha provato a chiedere spiegazioni, si sono sempre rifiutati di parlarle del motivo per cui hanno lasciato la Francia?

Spinta dalla voglia di riabbracciare la nonna e di ritrovare i luoghi della sua infanzia, Claire decide di prendere il primo aereo e partire per Dinan, il paesino dove è nata e ha passato i primi anni della sua vita. Non sa ancora che ad aspettarla ci sono segreti inconfessabili, radicati in quella terra e in quei luoghi in profondità. Segreti che solo lei è in grado di riportare alla luce.

Ho deciso di leggere Vento di Kornog perché ne avevo sentito parlare online ed ero molto curiosa, la trama prometteva mistero e tempesta e io non ho saputo proprio resistere. A lettura ultimata, posso tranquillamente dire che si è rivelato all'altezza delle aspettative e che l'ho trovato davvero un romanzo ottimo e di alta qualità.

Grazie a uno stile semplice e fluido, colmo di descrizioni molto vivide e dettagliate, Alessia Litta riesce ad accompagnare il lettore tra gli splendidi ed evocativi luoghi della Bretagna, tenendolo per mano e facendogli assaporare ogni più minimo particolare. La scrittura di Alessia è stata proprio la cosa che mi è piaciuta di più. L'ho trovata molto matura e godibile.
L'unica cosa che mi ha impedito di dare un voto più alto è che mi sarei aspettata di riuscire a entrare più in empatia con la storia e i personaggi, che invece mi hanno intrattenuta molto, tenendomi incollata alle pagine, senza però arrivarmi al cuore.

In conclusione, sono rimasta comunque più che soddisfatta e non posso che consigliare caldamente questo romanzo, soprattutto agli amanti dei mistery. Leggetelo e non ne rimarrete delusi! Alessia Litta e la sua splendida Bretagna sapranno stregarvi, ve lo assicuro.



I romanzi di Alessia Litta
  • Vite sospese, 2014
  • Vento di Kornog, 2015

13 commenti:

  1. mi piace molto anche la cover. Lo aggiungo in lista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conoscendo un po' i tuoi gusti secondo me dovrebbe piacerti, Chiara :)

      Elimina
  2. Grazie per la bella recensione! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati, è stato un piacere, ho detto solo la verità ♥

      Elimina
  3. Ce l'ho! Mi ha attirato proprio perchè ambientato in Bretagna! Non mi resta che leggerlo ;) ciao Maria

    RispondiElimina
  4. No ma questo è il mio libro anche io sono una grandissima appassionata di fotografia...va dritto nella mia WL :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei un'appassionata allora le descrizioni ti piaceranno un sacco! Sembra davvero di essere lì :)

      Elimina
  5. Bella storia, l'ambientazione mi attira e il genere mistery è proprio nelle mie corde, ci faccio un pensierino ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei un'amante del genere allora non ti deluderà :D

      Elimina
  6. Aggiunto in lista... Ormai la mia WL è infinita e non c'è verso per smaltirla... Tanti romanzi fantastici che voglio leggere assolutamente! E ovviamente Vento di Kornog è uno di questi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere, Marco! Spero possa piacerti :3 e per la wishlist infinita... ti capisco benissimo :P

      Elimina
  7. Quanto tempo che non passavo da te, mi sono persa un sacco di cose belle, questo libro ad esempio!! Mi ispira, mi sa che me lo compro subito se me lo consigli u_u

    RispondiElimina