giovedì 25 maggio 2017

Mare di libri 2017 ▸ TBR list

Buongiorno lettori, come state? In occasione della nuova edizione del festival Mare di libri, dedicato ai ragazzi e ai romanzi per ragazzi, di cui vi ho parlato QUI, quest'anno ho stilato una vera e propria TBR e mi sono anche data ai folli acquisti. Tra Libraccio e ComproVendoLibri sono riuscita ad economizzare un po' e adesso l'obiettivo è quello di leggere tutto per tempo... spero di farcela!
Dal momento che diversi, tra i titoli di cui sto per parlarvi, sono passati un po' in sordina a seguito della loro uscita (o almeno, io di tre su cinque non avevo mai sentito parlare) ho deciso di impaginare il post in modo da darvi tutte le info possibili, trama compresa. Curiosi?

Il primo libro della lista è L'orologiaio di Filigree Street, libro arrivato da pochissimo nelle librerie italiane. Personalmente questa uscita mi era proprio sfuggita, ma la trama di questo romanzo storico, avvolta nel mistero e con quel pizzico di steampunk, si è dimostrata davvero parecchio intrigante. Unica pecca? Il prezzo! Io fortunatamente sono riuscita a trovare il libro usato.
Titolo: L'orologiaio di Filigree Street
Autrice: Natasha Pulley
Autoconclusivo
Editore: Bompiani
Pagine: 384
Prezzo cartonato: 19,00 €
Prezzo ebook: 10,99 €
Trama: Londra, 1883. Thaniel Steepleton, giovane, modesto telegrafista al ministero dell'Interno, una sera trova un dono anonimo sul cuscino del suo letto: un orologio d'oro. È proprio l'orologio, strillando, a salvarlo dall'esplosione di un ordigno che devasta un pub. Thaniel si trasforma in investigatore antiterrorismo e rintraccia l'artigiano che ha creato il prodigioso manufatto: si chiama Keita Mori, viene dal Giappone e nel suo laboratorio in una stradina di vecchie case a Knightsbridge prendono vita straordinari esseri meccanici, prodigi luminosi, uccelli di bronzo, un polpo rubacalzini. L'incontro con Mori - e quello con Grace Carrow, brillante studentessa di fisica che cerca di combattere i pregiudizi per diventare scienziata e scoprire la verità sull'etere luminifero - cambierà la vita di Thaniel. Tre personaggi che non sono mai quello che sembrano, un passato - e un futuro - che uniscono in modo singolare l'Inghilterra all'estremo Oriente, una miscela specialissima di storia e magia per un romanzo d'esordio che sfugge alle etichette e chiede al lettore di stare al gioco senza riserve.

A seguire ci sono Il nido, altro romanzo che non conoscevo, ma che è stato subito capace di catturare la mia attenzione grazie alle sue tinte dark (grazie Libraccio, grazie Veronica) e La strada nell'ombra, un altro romanzo storico di genere mistery, di cui invece quasi tutti immagino abbiate sentito parlare presto o tardi, e che già possedevo.
Titolo: Il nido
Autore: Kenneth Oppel
Autoconclusivo
Editore: Rizzoli
Pagine: 252
Prezzo cartonato: 16,00 €
Prezzo ebook: N/D €
Trama: E poi, Steve, che a dodici anni si trascina dall'infanzia paure ancestrali, di angeli sente di averne un gran bisogno: il piccolo, il fratellino appena nato, ha qualcosa che non va, e il terrore del peggio sta logorando in fretta tutta la famiglia. E così, quando strane creature luminose iniziano a visitare i suoi sogni, spiegandogli di essere venute per aiutare il piccolo, Steve fa quello che faremmo tutti: accetta la loro proposta. Ma le creature non sono affatto angeli, e quando Steve lo scopre, il confine tra gli incubi e la realtà non è così impenetrabile come gli adulti intorno a lui sostengono. E lui è l'unico che può fare qualcosa
Titolo: La strada nell'ombra
Autrice: Jennifer Donnelly
Autoconclusivo
Editore: Mondadori
Pagine: 537
Prezzo cartonato: 18,00 €
Prezzo ebook: 9,99 €
Trama: New York, fine Ottocento. Jo Montfort è ricca, bella, e la attende un futuro radioso, promessa sposa del rampollo di una delle famiglie più in vista della città. Jo ha tutto, ma per sé da sempre sogna qualcosa di diverso: una matita e un taccuino, un lavoro come reporter. È una tragedia inaspettata a scuotere lei e la sua famiglia. E anche l'irruzione nella sua vita di Eddie Gallagher, giovane reporter che sa qual è il prezzo della ricerca della verità. Insieme a Eddie, Jo comincia a indagare, come e meglio di una giornalista di professione, sugli affari dei Montfort, che si rivelano via via sempre meno limpidi. La verità emerge cupa e dolorosa, i pericoli sono dietro a ogni angolo nei vicoli di New York, ma anche le avventure, l'amore vero e la più importante delle conquiste: la libertà. Età di lettura: da 11 anni.

E per concludere ci sono Sophie sui tetti di Parigi, storia di cui ho sentito parlare davvero meravigliosamente, e Niente che invece non conoscevo e che, nonostante non superi di molto il centinaio di pagine, sembra promettere bene per via dei temi trattati.
Titolo: Sophie sui tetti di Parigi
Autrice: Katherine Rundell
Autoconclusivo
Editore: Rizzoli
Pagine: 283
Prezzo cartonato: 14,50 €
Prezzo brossura: 11,00 €
Trama: La mattina del suo primo compleanno, una bambina galleggia nella custodia di un violoncello sulle acque della Manica. A raccoglierla è Charles, un eccentrico ma premuroso scapolo inglese, che decide di prendersi cura di lei. Una cura un po' speciale, perché Charles usa i libri come piatti e permette a Sophie di scrivere sui muri. Per questo, quando la ragazzina compie tredici anni, i servizi sociali minacciano di metterla in un istituto. Allora Charles e Sophie fuggono a Parigi in cerca della madre di lei, con un solo indizio in mano: la targhetta sulla custodia del violoncello che l'ha salvata dal naufragio. L'impresa non è affatto semplice, ma Sophie troverà sui tetti di Parigi un aiuto inaspettato.
Titolo: Niente
Autrice: Janne Teller
Autoconclusivo
Editore: Feltrinelli
Pagine: 119
Prezzo brossura: 7,50 €
Prezzo ebook: 4,99 €
Trama: "Se niente ha senso, è meglio non far niente piuttosto che qualcosa" dichiara un giorno Pierre Anthon, tredici anni. Poi, come il barone rampante, sale su un albero vicino alla scuola. Per dimostrargli che sta sbagliando, i suoi compagni decidono di raccogliere cose che abbiano un significato. All'inizio si tratta di oggetti innocenti: una canna da pesca, un pallone, un paio di sandali, ma presto si fanno prendere la mano, si sfidano, si spingono più in là. Al sacrificio di un adorato criceto seguono un taglio di capelli, un certificato di adozione, la bara di un bambino, l'indice di una mano che suonava la chitarra come i Beatles. Richieste sempre più angosciose, rese vincolanti dalla legge del gruppo. È ancora la ricerca del senso della vita? O è una vendetta per aver dovuto sacrificare qualcosa a cui si teneva davvero? Abbandonati a se stessi, nella totale inesistenza degli adulti e delle loro leggi, gli adolescenti si trascinano a vicenda in un'escalation d'orrore. E quando i media si accorgono del caso, mettendo sottosopra la cittadina, il progetto precipita verso la sua fatale conclusione. Il romanzo mette in scena follia e fanatismo, perversione e fragilità, paura e speranza. Ma soprattutto sfida il lettore adulto a ritrovare in sé l'innocente crudeltà dell'adolescenza, fatta di assenza di compromessi, coraggio provocatorio e commovente brutalità.

Se fossi riuscita ad organizzarmi anche per il giorno in cui sarà presente Aidan Chambers, avrei cercato di leggere in tempo volentieri anche Danza sulla mia tomba, purtroppo però dovrò accontentarmi di farmelo soltanto autografare (di nuovo grazie, Veronica).

Che ne pensate di questi titoli? Li conoscevate già oppure no? Vi incuriosiscono? Io spero vivamente di potervene parlare nel dettaglio al più presto e spero soprattutto che si rivelino tutti all'altezza delle aspettative. Attendo i vostri pareri, buona giornata e alla prossima!

14 commenti:

  1. Praticamente mi piacciono tutti! Sarà che sono appassionata di narrativa per ragazzi, ma ne ho già tre tra questi in wish list e sono molto curiosa di sentire qualche opinione su L'orologiaio di Filgree Street.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quando ho pubblicato il post ho già letto sia Niente che Il nido :D L'orologiaio sarà il prossimo! Spero di non rimanere delusa *o*

      Elimina
  2. Eh quì me li prenderei tutti, forse l'orologiaio di Filigreee street non mi ispira molto.
    xoxo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà, magari riesco a farti cambiare idea con la recensione :D bisogna vedere se a me in primis piacerà o meno però :P ci spero!

      Elimina
  3. Sono entrata in fissa coi libri per ragazzi dopo In Viaggio nel Tempo con il Criceto e Il Mistero del London Eye, ma per Mare di Libri sarò totalmente impreparata, probabilmente leggerò solo Brooks xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come U.U un vero peccato! Almeno alla Rundell dovresti darla un'occasione, visto che ne parlano tutti un sacco bene :D

      Elimina
  4. L'orologiaio di Filigree Street è in un'edizione bellissima, ma costa talmente tanto che non ho il coraggio di comprarlo ç_ç
    Niente, invece, mi ispira parecchio: mi sa che l'ebook lo prenderò :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, hai ragione per l'orologiaio :c io ho avuto la fortuna di trovarlo usato... e l'ho pagato comunque poco meno di un rilegato nuovo XD spero solo ne sia valsa la pena!
      Niente l'ho letto in un batter d'occhio ed è un libro che si lascia proprio apprezzare, te lo consiglio ^.^ però non lo sottovalutare... non è carino e delicato come sembra!

      Elimina
  5. Buon lettura, sembrano uscite molto interessanti!!!! Anche buon Mare di libri :-)

    RispondiElimina
  6. Ciao! Tutti titoli interessanti! Mi attira particolarmente L'orologiaio di Filigree Street! Buon Festival!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sarà il prossimo che leggerò, spero tanto sia bello come sembra :3

      Elimina
  7. Prego (?). :D
    Non vedo l'ora di leggere L'orologiaio perché fisicamente è una cosa bellissima! È piccolo, compatto, si illumina al buio!, ha la copertina con il buco (?) per l'orologio... è bellissimo!! Meno male che l'autrice è ospite di Mare di Libri sennò non avrei mai scoperto questo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il buco per l'orologio non ho ancora deciso se mi sta a genio o meno :D spero comunque che sia bello dentro quanto fuori *o*
      E sono d'accordissimo con te... non fosse stato per il festival probabilmente non ci sarebbe mai capitato sotto mano!

      Elimina