mercoledì 2 novembre 2016

Recensione "La città di sabbia" Lainy Taylor

Buongiorno lettori, come state? Io sto preparando le valigie perché domattina presto partirò per andare dalla nonna a passare dieci giorni in relax. Dieci giorni in cui non avrò a disposizione un computer con internet, ma soltanto il mio caro cellulare. La programmazione del blog però è già tutta programmata, quindi continuerà ad andare avanti, sicuramente però tarderò a rispondere ai vostri commenti.
Venendo a noi, oggi voglio lasciarvi il mio parere riguardo a La città di sabbia di Lainy Taylor, il secondo meraviglioso romanzo della trilogia dedicata alle chimere e ai serafini.



La città di sabbia
Laini Taylor
Editore Fazi ● Pagine 555
Cartonato N/D ● Brossura 14,50 € ● Ebook 6,99€

Trama: La studentessa d'arte Karou ha finalmente le risposte che ha sempre cercato. Sa chi è e cosa è. Ma, insieme a questa scoperta, un'altra verità affiora in superficie, una realtà che la ragazza farebbe di tutto pur di ignorare: ha amato un ragazzo che le è nemico, lui l'ha tradita e per questo il suo mondo è sconvolto. Ora, in una kasbah dimenticata nel deserto del Marocco, Karou e i suoi alleati si preparano a uno scontro definitivo contro l'armata dei serafini e sotto la luce delle stelle plasmano creature di potente forza distruttiva. Akiva, legato dall'appartenenza all'esercito degli angeli, ma gravato da un profondo conflitto interiore, inizia a progettare un altro tipo di battaglia: quella per il riscatto. Per la speranza. Costellato da scene drammatiche, di segreti e di scelte impossibili, "La città di sabbia" porta i due protagonisti sui fronti opposti di una guerra antichissima che ha acquistato nuovo vigore.


Recensione
Akiva, a seguito della sua terribile rivelazione, dopo aver trovato un turibolo con il suo nome inciso sopra, pensa che Karou sia morta e decide di far ritorno dai suoi fratelli, Liratz e Hazael, per chiedere perdono per quanto accaduto e per raccontare loro la verità di cui li ha sempre tenuti all'oscuro.
Nel frattempo Karou, che invece è viva e vegeta, anche se non esattamente al pieno delle sue forze, è diventata il nuovo resuscitatore delle chimere, prendendo a tutti gli effetti il posto di Sulphurus, sotto il comando del tanto odiato Thiago, che è sopravvissuto agli scontri e che adesso è a capo dei ribelli rimasti.
Mentre Thiago spinge Karou a creare nuovi corpi, mostruosi e letali, ideati appositamente per sconfiggere i serafini, Suzana si sforza di capire dove sia finita l'amica e Akiva, adesso spalleggiato dai suoi fratelli, cerca di celare il disprezzo verso lo sterminio delle chimere e, nel suo piccolo, tenta di salvare quante più di loro gli è possibile.

La trama de La città di sabbia è davvero ampia e complessa. Per via di ciò che avevo letto in rete, ero praticamente pronta a tutto. In molti avevano poco apprezzato soprattutto la prima parte del romanzo, definendola troppo lenta e prolissa. Personalmente invece, più leggevo, più mi innamoravo di ciò che avevo di fronte. Dal canto mio, non ho affatto percepito questa lentezza e pesantezza nella storia, né per quanto riguarda la prima parte, né per la seconda. È vero il romanzo è lungo e la lettura richiede meticolosa attenzione, ma la cosa non mi ha affatto disturbata. Mi sono ritrovata ad adorare praticamente ogni pagina, ogni sottotrama, ogni ambientazione, ogni personaggio, insomma: tutto quanto.

La scrittura di Laini Taylor è semplicemente magia. Potrei dirvi che è quanto mai curata, particolareggiata, potrei dirvi che ha carattere e che ha profondità, ma non sono sicura che questa manciata di parole sarebbe abbastanza per descrivere l'ammirazione che provo nei suoi confronti. La storia da lei creata poi, è assolutamente incredibile, definita in ogni più piccolo dettaglio e sfaccettatura. Ogni personaggio ha la sua essenza e il suo perché e, in un modo o nell'altro, resta nel cuore.

Insomma, cos'altro posso dirvi? Se non avete ancora iniziato la serie, fatelo. Se non avete ancora letto questo secondo volume, leggetelo, lasciatevi incantare e affascinare dalla Taylor e non ve ne pentirete. Personalmente, posso solo dirvi che questa donna ha tutte le carte in regola per entrare a far parte della schiera delle mie autrici preferite. Non vedo l'ora di leggere anche il terzo volume della serie per scoprire quale sarà il futuro di Karou e Akiva e quale destino attende i serafini e le chimere. Sono immensamente grata alla Fazi per aver deciso di concludere questa pubblicazione davvero meritevole.



Daughter of smoke & bone di Laini Taylor
  1. La chimera di Praga, 2012 (Daughter of smoke & bone, 2011)
  2. La città di sabbia, 2013 (Days of blood & starlight, 2012)
  3. Sogni di mostri e divinità, 2016 (Dreams of gods & monsters, 2014)

16 commenti:

  1. Ce l'ho lì in lista da parecchio tempo. Il primo mi era piaciuto molto ma sono passati anni e non ricordo quasi più nulla della trama. In genere questo mi scoraggia nel riprendere in mano una storia. Cercherò un bignami e mi metterò a leggerlo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh purtroppo questo secondo volume della serie non è come altri romanzi, che fanno riferimento a quanto accaduto nel volume precedente come una sorta di promemoria per il lettore... bisogna aver bene presente la trama del precedente per affrontare la lettura >.<
      Quindi sì, ti conviene rileggerlo oppure cercare un bel riassuntino dettagliato fatto bene per rinfrescarti la memoria :3

      Elimina
  2. Ah, come già sai sono felicissima che questo secondo capitolo ti sia piaciuto! <3 Sono tutte e tre libri molto diversi, ma ognuno ha i suoi punti forti. Vedrai che anche il terzo sarà ricchissimo e non ti deluderà ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fido della tua opinione *-* di sicuro lo leggerò a inizio anno nuovo! Non vedo l'ora *o*

      Elimina
  3. Rileggendo i libri tutti di seguito ho apprezzato molto di più questo secondo volume. La prima volta era passato troppo tempo dalla lettura del primo, e proprio per quello avevo avuto delle difficoltà. Adesso, invece, credo che questo secondo libro sia il mio preferito *:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero Moni? Ottimo! Io sono proprio curiosa di vedere cosa si è inventata la Taylor per il terzo :3

      Elimina
  4. Ogni volta che leggo recensioni di questa saga mi chiedo per quale motivo non l'ho ancora i iniziata! Ho letto il post a spizzichi e bocconi per evitare spoiler ma ho capito che devo assolutamente leggerla!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, Simo, DEVI assolutamente :D corri!

      Elimina
  5. Anche io sono rimasta incantata dallo stile evocativo di Laini Taylor! La città di sabbia è nella mia Tbr di novembre e non vedo l'ora di leggerlo! A presto Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai com'è bello, Maria :) buona lettura!

      Elimina
  6. Ho letto solo il primo e devo ammettere che non mi ha entusiasmata molto, i personaggi non sono riusciti a coinvolgermi... sicuramente, però, prima o poi completerò la serie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato :c di sicuro questo secondo romanzo è molto più introspettivo... però se non ti è proprio piaciuto il primo non so se riuscirà a farti cambiare idea >.<

      Elimina
  7. Dopo averlo riletto questa estate "la città di sabbia" mi è rimasto ancora più nel cuore. Sono felice di averlo riletto prima di completare la serie, per me rimane davvero indimenticabile <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io per fortuna il primo l'ho letto per la prima volta qualche mese fa e dunque avevo la memoria abbastanza fresca :D non vedo l'ora di leggere il terzo!

      Elimina
  8. ciao Denise! Concordo con te in tutto. Neanche io l'ho trovato lento bensì molto complesso e dallo stile curato e dettagliato. Ho amato tutto di questo libro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che il terzo ci piaccia allo stesso modo allora *o*

      Elimina