domenica 24 maggio 2015

GDL "The help" - Inizio terza tappa!

Buongiorno lettori! Questa volta sono puntuale, avete visto? Devo dire che questo libro si fa proprio leggere che è un piacere, potrei non smettere mai! Per fortuna sto intervallando questa lettura ad altre, sennò non riuscirei proprio a fermarmi.

Recap Capitolo 8 - Capitolo 16
Skeeter parla alla responsabile della casa editrice della sua idea di scrivere un libro di interviste alle cameriere di colore e la donna si mostra abbastanza entusiasta e la invita a procedere. Aibileen, dapprima restia, si convince infine ad aiutarla, ma riesce a farlo soltanto scrivendo di proprio pugno le sue storie. Anche Minny alla fine si decide a partecipare e inizia a raccontare le sue esperienze.
Intanto dai Foote, Minny si preoccupa perché Miss Celia passa troppo tempo in casa, per lo più senza muovere un dito, e pensa che possa essere malata. Un giorno poco prima di Natale poi, Minny si imbatte per caso in Mister Johnny che si comporta in modo gentile con lei e la rassicura dicendole che aveva intuito da un pezzo che Celia aveva preso una donna di servizio.
A casa Leefolt Aibileen riesce a insegnare a Mae Mobley ad andare al gabinetto e poi Miss Elizabeth annuncia di essere di nuovo incinta.
Skeeter partecipa a un appuntamento combinato da Hilly con un cugino del marito, Stuart, purtroppo però le cose non vanno come spera. Stuart però, si ripresenta a casa sua parecchio tempo dopo, chiedendole scusa e inviandola a uscire e i due iniziano a frequentarsi.
Dopo una riunione della Lega Femminile di Jackson, Skeeter dimentica la cartella col materiale delle interviste e per poco non si fa scoprire da Hilly.
La responsabile della casa editrice continua a mostrarsi interessata al progetto ed Aibileen cerca di convincere altre cameriere a raccontare le loro esperienze. La domestica di Miss Hilly sembra l'unica interessata a farsi avanti.

venerdì 22 maggio 2015

The lost cover #30




The lost cover è una rubrica che, da brava amante di copertine, ho ideato io stessa. Ogni volta che pubblicherò un nuovo appuntamento, metterò a confronto la copertina originale di un libro con quella scelta invece per la versione italiana. Da qui 'la copertina perduta'!

Buonasera lettori! Oggi per tenervi compagnia ho pensato di pubblicare un nuovo appuntamento con questa rubrica per mettere a confronto insieme le copertine di Chaos. La fuga di Patrick Ness, meglio conosciuto in lingua come The knife of never letting go. La mia recensione la potete trovare qui e se invece non avete ancora letto il romanzo e siete interessati a leggerlo, vi ricordo che potete nel giveaway commenta & vinci che ho organizzato c'è una copia in palio.

Originale
Italiana
 

mercoledì 20 maggio 2015

Recensione "I misteri - Wayward Pines" di Blake Crouch

Buongiorno lettori! Oggi finalmente, dopo non so quanto tempo, vi propongo una nuova recensione. Spinta dalla curiosità verso il telefilm omonimo, ho deciso di leggere I misteri - Wayward Pines di Blake Crouch, primo volume della trilogia omonima. Devo dire che mi aspettavo qualcosa di totalmente diverso, ma comunque non si è rivelata affatto una cattiva lettura.



I misteri - Wayward Pines
di Blake Crouch

Editore: Sperling & Kupfer
Prezzo: 16,90 €
Pagine: 360

Trama: Wayward Pines, Idaho, parrebbe la tipica cittadina americana. Ma l'agente dei Servizi segreti Ethan Burke, che ci arriva alla ricerca di due federali scomparsi, capisce presto che qualcosa non va. Finito in ospedale per un grave incidente, Ethan si ritrova stranamente senza documenti né cellulare. E poi la sua indagine sulla sparizione dei colleghi, invece di risolvere il mistero, solleva domande sempre più inquietanti.
Perché Burke non riesce a mettersi in contatto col mondo esterno? Perché tutti dubitano della sua identità? E qual è lo scopo della recinzione elettrificata che circonda la città? Serve a non far uscire gli abitanti... o a non far entrare qualcos'altro? Ogni passo verso la verità conduce Ethan più lontano dal mondo che conosce, sino a quando dovrà affrontare l'orrenda possibilità di non poter mai più lasciare Wayward Pines. Vivo.


Recensione
Ethan, un agente dei Servizi Segreti, si risveglia un giorno a Wayward Pines, in Idaho, ferito e senza ricordarsi nulla su di sè o su come sia arrivato in quel posto. Ben presto però, durante il suo vagabondare per la cittadina, la sua memoria fa ritorno ed Ethan rammenta che si era recato in quel luogo col suo collega per cercare altri due agenti scomparsi. Peccato che a Wayward Pines nulla è come sembra e tutti sembrano prendersi gioco di lui, come se volessero farlo impazzire. Quale verità si cela davvero dietro all'apparente calma e tranquillità di Wayward Pines?

martedì 19 maggio 2015

GDL "The help" - Inizio seconda tappa!

Buongiorno lettori! Scusate tantissimo se questo post arriva con due giorni di ritardo, non è proprio da me, ma sono proprio in un periodo strano, in cui ho la testa tra le nuvole e nemmeno io capisco al cento per cento perché, ma va be' non sto ad annoiarvi con i miei drammi. Dunque, meglio tardi che mai, veniamo a noi e alla nostra lettura.

Recap Capitolo 1 - Capitolo 7
Il romanzo è narrato da tre punti di vista differenti, negli anni sessanta a Jackson, in Mississipi. La prima "penna" che il lettore incontra è quella di Aibileen, una cameriera di colore che ha perso il figlio in un tragico incidente sul lavoro. Aibileen presta servizio presso casa Leefolt e, oltre a cucinare e a occuparsi della casa, si prende cura della piccola May Mobley di due anni appena, una bambina dolcissima che la madre però trascura tantissimo, come se per lei fosse un vero e proprio fastidio.
A seguire il lettore ha a che fare con la voce forte e sfacciata di Minny, che dopo aver perso il suo vecchio impiego presso Missus Walters in seguito al suo ricovero in casa di riposo da parte della figlia, si ritrova ad andare a lavorare per la strana ed esuberante Celia Foote, una ragazza proveniente da una zona malfamata che ha sposato un uomo ricco e si è ritrovata a vivere in una casa grande oltre ogni sua aspettativa.
Infine, c'è Skeeter, la voce fuori dal coro, la ragazza bianca giovane e appena laureata, che sogna di fare la scrittrice e la cui priorità non è di certo trovarsi un marito a tutti i costi come vorrebbe sua madre. Skeeter, al contrario delle sue amiche, non disprezza la gente di colore, tratta loro come fossero suoi pari, probabilmente grazie all'educazione che le ha impartito la sua cameriera Constantine, licenziata in circostanze misteriose durante la sua permanenza all'università.
Seguendo il suo sogno di diventare scrittrice, Skeeter trova un lavoro presso il giornale di Jackson, che consiste nel prendersi cura di una rubrica riguardo ai lavori domestici. Pensa così di farsi aiutare da Aibileen ed è grazie a lei che le viene un'idea piuttosto insolita e azzardata: scrivere un libro che mostri a tutti cosa vuol dire essere una donna nera a servizio in un casa di bianchi.