lunedì 22 maggio 2017

Recensione "Chi manda le onde" Fabio Genovesi

5 commenti
Buongiorno lettori e buon inizio settimana lettori, come state? E se vi dicessi che... ho quasi finito la lista di recensioni in arretrato da pubblicare?! PANICO, PANICO!
Oggi sono qui per parlarvi di uno dei romanzi che più ho apprezzato in questo 2017 e che si è rivelato davvero una bellissima scoperta (per cui ringrazio infinitamente Laura La libridinosa e Laura La biblioteca di Eliza e la loro fantastica challenge) ovvero, Chi manda le onde di Fabio Genovesi.



Chi manda le onde
Fabio Genovesi
Editore Mondadori ● Pagine 473
Cartonato N/D ● Brossura 14,50 € ● Ebook 7,99 €

Trama: Ci sono onde che arrivano e travolgono per sempre la superficie calma della vita. Succede a Luna, bimba albina dagli occhi così chiari che per vedere ha bisogno dell'immaginazione, eppure ogni giorno sfida il sole della Versilia cercando le mille cose straordinarie che il mare porta a riva per lei. Succede a suo fratello Luca, che solca le onde con il surf rubando il cuore alle ragazze del paese. Succede a Serena, la loro mamma stupenda ma vestita come un soldato, che li ha cresciuti da sola perché la vita le ha insegnato che non è fatta per l'amore. E quando questo tsunami del destino li manda alla deriva, intorno a loro si raccolgono altri naufraghi, strambi e spersi e insieme pieni di vita: ecco Sandro, che ha quarant'anni ma vive ancora con i suoi, e insieme a Marino e Rambo vive di espedienti improvvisandosi supplente al liceo, cercando tesori in spiaggia col metal detector, raccogliendo funghi e pinoli da vendere ai ristoranti del centro. E poi c'è Zot, bimbo misterioso arrivato da Chernobyl con la sua fisarmonica stonata, che parla come un anziano e passa il tempo con Ferro, astioso bagnino in pensione sempre di guardia per respingere l'attacco dei miliardari russi che vogliono comprarsi la Versilia. Luna, Luca, Serena, Sandro, Ferro e Zot, da un lato il mare a perdita d'occhio, dall'altro il profilo aguzzo e boscoso delle Alpi Apuane. Quando il dolore arriva a schiacciarli lì in mezzo, sarà la vita stessa a scuoterli con i suoi prodigi, sarà proprio il mare che misteriosamente comincerà a parlare. E questa armata sbilenca si troverà buttata all'avventura, a stringersi e resistere in un on the road tra leggende antiche, fantasmi del passato, amori impossibili e fantasie a occhi aperti, diventando così una stranissima, splendida famiglia. Fabio Genovesi ha scritto un romanzo traboccante di personaggi e di storie, sospeso come un sogno, amaro ed esilarante, commovente e scatenato come la vita vera. Un romanzo che parla la lingua calda e diretta dei suoi personaggi, che scava dentro esistenze minime e laterali per trovarci un disegno: spesso lo chiamiamo "caso", ma la sua magia è così scintillante che per non vederla bisogna proprio tenere gli occhi stretti.


Recensione
Luna è una bambina che all'apparenza può sembrare diversa dalle altre. È nata con la pelle candida e i capelli dello stesso colore del latte. Se non fa attenzione e non mette abbondanti porzioni di crema solare quando esce fuori al sole, rischia sempre di scottarsi. E senza i suoi occhiali è praticamente cieca, ma anche con quelli, non è che ci veda proprio benissimo. Luna però non si lascia scoraggiare e vive la sua vita pienamente, sempre colma di gioia e meraviglia. Ha un fratello più grande, Luca, che la tratta come una principessa, e una mamma fantastica, Serena, una donna forte e indipendente che si è sempre occupata dei figli con le sole proprie forze. Luna e Luca non hanno mai conosciuto il loro papà, ma in qualche modo, l'amore di Serena gli è sempre bastato per non farsi troppe domande.

giovedì 18 maggio 2017

Recensione "Al centro dell'universo" Morgan Matson

7 commenti
Buongiorno lettori, come state? Io non mi lamento, ancora non ho iniziato col lavoro nuovo (benedette scartoffie!) e sto approfittando di questi giorni a casa per rilassarmi un po'. Oggi ho deciso di tenervi compagnia con la mia recensione per Al centro dell'universo di Morgan Matson, libro da cui non mi aspettavo davvero nulla, ma che ha saputo conquistarmi!



Al centro dell'universo
Morgan Matson
Editore Netwon Compton ● Pagine 319
Cartonato 12,00 € ● Brossura N/D ● Ebook 4,99 €

Trama: Emily ha deciso di correre qualche rischio per trascorrere l’estate più travolgente della sua vita. Prima di Sloane, Emily non andava alle feste, parlava a malapena con i ragazzi, non aveva mai fatto niente di folle. Ma Sloane, un vero e proprio “tornado sociale”, è la migliore amica che si possa avere e l’ha tirata fuori dal suo guscio. Eppure, poco prima di quella che doveva essere un’estate epica, Sloane... scompare. Lascia solo una misteriosa lista con tredici cose, alquanto bizzarre, che Emily dovrà fare. Per esempio: “Cogli le mele di notte”. Va bene, abbastanza facile. “Balla fi no all’alba”. Perché no? “Bacia uno sconosciuto”. Che cosa?! Ma senza Sloane, Emily potrà farcela? Chissà cosa succederà, con tutta un’estate davanti e l’inaspettato aiuto dell’affascinante Frank Porter...


Recensione
Emily e Sloane sono inseparabili: non c'è nulla che non condividano e non c'è momento della giornata che l'una non desideri passare accanto all'altra. Quando però Sloane, del duo quella più popolare, solare e capace di prendere iniziativa, svanisce da un giorno all'altro senza avvisare, né lasciare traccia, Emily si ritrova sola come mai prima. Dov'è finita Sloane? Come mai anche i suoi genitori sono spariti? Perché casa sua è stata svuotata da cima a fondo? Che ne è stato della sua migliore amica?

Quando una mattina Emily si vede recapitare una lettera da parte della sua amica, quasi non crede ai suoi occhi. All'interno della busta, trova soltanto un foglio con una lista di cose da fare: baciare uno sconosciuto, ballare fino all'alba, fare il bagno nuda, e così via. Tutte cose che Emily, col suo carattere timido e un po' introverso, non si sognerebbe di fare mai. Eppure, nella sua testa si fa strada la strana consapevolezza che, l'unico modo per ritrovare Sloane, è effettivamente portare a termine ogni voce della lista. Così, seppure all'inizio a passo incerto, Emily andrà a braccia aperte incontro all'avventura che la porterà a passare un'estate indimenticabile e a crescere.

lunedì 15 maggio 2017

Mare di libri 2017 (Rimini 16-17-18 giugno) - Festival dei ragazzi che leggono

7 commenti
Buongiorno lettori, come state? L'estate è alle porte e il caldo, tra un temporale e l'altro, sembra aver voglia di iniziare a farsi sentire! Come vi dicevo, sto passando un periodo di cambiamenti, infatti questa settimana, direi che ormai posso dirlo - prima non ne avevo parlato per scaramanzia - inizierò a lavorare in un posto nuovo. Purtroppo dove stavo prima, si erano venute a creare alcune divergenze inconciliabili (chiamiamole così) per cui ho sentito il bisogno di cambiare e ho avuto la fortuna di trovare un altro impiego davvero in fretta e senza particolare fatica e anche vicinissimo a casa. Fatemi dunque un grosso in bocca al lupo e sperate insieme a me che tutto vada per il meglio!

Oggi comunque sono qui per parlarvi della nuova edizione di Mare di libri, il festival dedicato ai ragazzi che leggono, che ogni anno porta in Italia molti degli autori di romanzi per ragazzi più amati. Quest'anno si terrà a Rimini il 16, 17 e 18 giugno, manca dunque praticamente soltanto un mese. Come sapete, sono ormai due anni che partecipo con immenso piacere e quest'anno, ho deciso di essere presente per ben due giorni su tre!


L'anno scorso (QUI il post di recap) ho avuto modo di partecipare all'incontro con John Boyne, autore de Il bambino con il pigiama a righe e, insieme ad altre colleghe blogger, ho avuto la grande opportunità di poter intervistare Sally Gardner, autrice di Tinder e de Il pianeta di Standish, un'esperienza che si è rivelata davvero davvero ricca e più unica che rara.
Spero, e anzi sono praticamente sicura, di poter ritrovare le stesse belle emozioni e quella stessa atmosfera magica e di totale appartenenza. Anche quest'anno, Veronica (She was in wonderland) sarà mia fidata compagna d'avventura! Proprio come è capitato per le precedenti edizioni, spero comunque di incontrare e conoscere altri blogger. È sempre bello ritrovarsi per occasioni come questa.

Come di consueto, vi riporto di seguito un riassunto del programma di quest'anno, con particolare attenzione sugli eventi che hanno maggiormente attirato la mia attenzione.

venerdì 16 giugno
Ore 14.30 Teatro degli atti
Incontro con Aidan Chambers introdotto da Beatrice Masini
Autore di Quando eravamo in tre, Danza sulla mia tomba, Cartoline dalla terra di nessuno.

Ore 18.00 Museo della città, sala del giudizio
Incontro con Susin Nielsen
Autrice di Siamo tutti fatti di molecole.