mercoledì 22 giugno 2016

Intervista: quattro chiacchiere con Alice Basso

Buongiorno lettori, come state? Oggi sono qui a tenervi compagnia con un post un po' inusuale e diverso dai soliti. Non capita spesso infatti che mi metta a fare interviste, ma nelle scorse settimane, dopo aver letto L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome (QUI la mia recensione) ho avuto modo di parlare con l'autrice, Alice Basso.
L'ho contattata per farle i complimenti per il romanzo e si è rivelata davvero una persona deliziosa e disponibile
, dunque non potevo non approfittarne, così le ho chiesto se le avrebbe fatto piacere essere mia ospite virtuale e lei ha accettato, dunque eccoci qui!
Spero che abbiate voglia di leggere questa intervista. Alice è davvero un tesoro, ve lo assicuro. Se avete già letto i suoi romanzi, riconoscerete la sua incalzante ironia, se invece non li avete ancora letti... penso che scoprire chi sta dietro a questi libri, possa invogliarvi a dargli una possibilità, dunque vi auguro buona lettura.

Ciao Alice, benvenuta! È davvero un immenso piacere averti qui, ospite nel mio angolino. Prima di partire con la raffica di domande, iniziamo con qualcosa di semplice per le persone che ancora non ti conoscono. Chi è Alice Basso? Parlaci un po' di te.
Buongiorno a te! Dunque, Alice Basso è una nanerottola di 36 anni che fa la redattrice, l'editor e la traduttrice per alcune piccole case editrici; nel tempo libero (quando ne ha) suona con due band, legge sempre troppo poco, guarda serie tv e cerca di andare a cena fuori. Vive con il fidanzato (che, curiosamente, è invece molto alto) appena fuori Torino, dove si è trasferita nel 2006. Una volta era una che studiava seriamente, oggi di roba seria ne ha piene le scatole e considera lo scopo della sua vita ridere e far ridere.

Descrivici una tua giornata tipo! Cosa fai solitamente, dall'alba al tramonto?
Mi alzo (alla quarta sveglia); vado al lavoro e resto nove ore con le chiappe incollate alla poltrona ergonomica dell'Ikea che fronteggia il computer della mia scrivania. A questo computer, per otto delle nove ore correggo i libri che mi arrivano dall'editore,
scrivo email agli autori o ai distributori, scrivo quarte di copertina e schede promozionali, insomma faccio tutti i tipi di lavori che si svolgono normalmente in una redazione. Per l'ora restante, quella della pausa pranzo, in certi periodi dell'anno può essere che, fra un boccone e l'altro (di insalata monoporzione quando va bene, di focaccia della panetteria vicina quando invece no), può essere che scriva un libro. La sera o torno a casa e ceno come una persona normale, sbrigo qualche faccenda domestica come una persona normale, e poi in certi periodi dell'anno può essere che vada avanti a scrivere un libro, anche questo come molte persone normali che conosco, oppure vado alle prove in qualche scantinato con una delle mie due band, anche questo come molte persone normali che conosco, anche se mediamente hanno una decina d'anni meno di me.

lunedì 20 giugno 2016

Recensione "Harry Potter e la pietra filosofale" J.K. Rowling - Edizione illustrata da Jim Kay

Buongiorno lettori! Tanto per cambiare sto avendo un periodo davvero super impegnativo dunque cerco di essere presente più che posso e per quanto mi è concesso dal poco tempo libero che ho a disposizione. Presto vi parlerò della mia fantastica esperienza di domenica a Mare di libri.
Oggi invece, ci tengo a farvi compagnia con una recensione per un libro che per me è speciale, in una veste ancora più speciale. Ovviamente parlo di Harry Potter e la pietra filosofale di J.K. Rowling, nella splendida edizione illustrata da Jim Kay.



Harry Potter e la pietra filosofale
J.K. Rowling
Edizione illustrata da Jim Kay
Editore Salani ● Pagine 245 ● Cartonato 29,00 €

Trama: "Caro signor Potter, siamo lieti di informarla che Lei ha diritto a frequentare la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. Qui accluso troverà l'elenco di tutti i libri di testo e delle attrezzature necessarie. L'anno scolastico avrà inizio il 10 settembre. Restiamo in attesa del Suo gufo entro e non oltre il 31 luglio p.v. Distinti saluti, Minerva McGonagall Vicepreside". Nel giorno del suo undicesimo compleanno, la vita di Harry Potter cambia per sempre. Una lettera, consegnata dal gigantesco e arruffato Rubeus Hagrid, contiene infatti delle notizie sconvolgenti. Harry scopre di non essere un ragazzo come gli altri: è un mago e una straordinaria avventura lo aspetta... La prima edizione interamente illustrata del capolavoro di J.K. Rowling, impreziosita dalle immagini di Jim Kay.



Recensione
Chi mi segue da tempo lo sa, con la serie di Harry Potter, come in numerosissimi della mia generazione, ho un rapporto unico e speciale. Era da una vita che mi ripromettevo di leggere questi libri con cui sono cresciuta e che tanto mi hanno fatto sognare. Ogni volta però,
ero costretta a rimandare e rimandare e rimandare. Finalmente però, merito della splendida edizione che mi è stata regalata dalle mie amiche per il mio compleanno un paio di mesi fa, sono riuscita a ritagliare un po' di tempo per rituffarmi tra le magiche pagine del primo volume, Harry Potter e la pietra filosofale.

Che dire? È stato come tornare a casa dopo tanto tempo, come ritrovare un vecchio amico. Considerato che avrò messo le mani sui primi volumi quando andavo alle scuole medie, sono passati circa dodici o tredici anni da quando lo lessi per la prima volta. L'esperienza si è rivelata magica proprio come allora. Da lettrice più matura e più grande e, da persona che conosce ormai tutta la storia, con questa rilettura ho avuto modo di godermi ogni più piccolo dettaglio e di assaporare il tutto sotto una diversa prospettiva.

venerdì 17 giugno 2016

Recensione "L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome" di Alice Basso

Buon pomeriggio lettori, come state? Pronti per il weekend? Io domenica, come vi accennavo un paio di settimane fa, sarò a Rimini a Mare di libri e non vedo l'ora. Di sicuro avrò modo di parlarvene prossimamente, non appena ne avrò il tempo.
Oggi comunque voglio lasciarvi il mio parere riguardo un libro che mi ha davvero positivamente molto colpita, ovvero L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome di Alice Basso. Un romanzo ironico, frizzante e originale che vi farà venire voglia di non smettere mai di leggere!



L'imprevedibile piano
della scrittrice senza nome

Alice Basso
Editore Garzanti ● Pagine 271
Cartonato 9,90 € ● Brossura N/D ● Ebook 9,99 €

Trama: Dietro un ciuffo di capelli neri e vestiti altrettanto scuri, Vani nasconde un viso da ragazzina e una innata antipatia verso il resto del mondo. Eppure proprio la vita degli altri è il suo pane quotidiano. Perché Vani ha un dono speciale: da piccoli indizi che sembrano insignificanti, coglie l’essenza di una persona, riesce a mettersi nei suoi panni, pensare e reagire come avrebbe fatto lei. Un’empatia profonda, un intuito raffinato, uno spirito di osservazione fuori dal comune, sono le sue caratteristiche. E di queste caratteristiche ne ha fatto il suo mestiere: Vani è una ghostwriter per un’importante casa editrice. Scrive libri per altri. L’autore le consegna la sua idea, il materiale su cui documentarsi e lei riempie le pagine delle stesse identiche parole che avrebbe utilizzato lui. Un lavoro svolto nell’ombra. E a Vani sta bene così. Anzi, preferisce non incontrare di persona gli scrittori per cui lavora. Fino al giorno in cui il suo editore non la obbliga a fare due chiacchiere con Riccardo, autore di successo in preda ad una crisi di ispirazione. I due si capiscono al volo e tra loro nasce una sintonia inaspettata fatta di citazioni tratte da Hemingway, Fitzgerald, Steinbeck. Una sintonia che Vani non credeva possibile. Da tempo ha smesso di credere che potesse capitare anche a lei. Per questo sa di doversi proteggere perché dopo aver creato insieme un libro che diventa un fenomeno editoriale senza paragoni, Riccardo sembra essersi dimenticato di lei. E quando il destino mette in atto il suo piano imprevisto e fa incrociare di nuovo le loro strade, Vani scopre che in amore nulla è come sembra. Questa volta è difficile resistere a Riccardo e a quell’alchimia che pare non esser mai svanita. Proprio ora che Vani ha bisogno di tutta la sua concentrazione, di tutto il suo intuito. Un’autrice per cui sta lavorando è stata rapita e la polizia vuole la sua collaborazione. Perché c’è un commissario che ha riconosciuto il suo talento unico e sa che solo lei può entrare nella mente del sequestratore. Come nel più classico dei romanzi Vani ha davanti a sé molti ostacoli. E non c’è nessuno a scrivere la storia della sua vita al posto suo, dovrà scegliere da sola ogni singola parola, gesto ed emozione.



Recensione
Silvana Sarca, Vani per gli amici, ha trentaquattro anni ma ne dimostra dieci di meno, abita a Torino e per vivere fa la ghostwriter a tempo pieno per una casa editrice importante.

Capita infatti più spesso di quanto non si possa immaginare che ci siano personaggi pubblici che, per un motivo o per l'altro, abbiano la necessità di pubblicare un libro sulla loro vita o sulla loro carriera, o su qualsiasi altro argomento. E capita spesso che anche gli autori più capaci, non siano in grado di sfornare nuove idee o di rispettare le scadenze. In quel caso, entrano in gioco persone come Vani, che studiano chi hanno di fronte dettaglio per dettaglio, in modo da poter scrivere qualcosa di credibile, che sembri davvero di loro pugno.

martedì 14 giugno 2016

Coming soon #27 Giugno in libreria




Coming soon è una rubrica a cadenza mensile che ho creato allo scopo di dare spazio ad ogni appuntamento, tramite piccole anteprime, ai nuovi libri in uscita ogni mese che hanno catturato la mia attenzione e che dunque considero potenzialmente interessanti e da non perdere.

Buongiorno lettori, come state? Rieccomi con la solita rubrica dedicata alle anteprime! Questo mese in libreria escono un sacco di cosine interessanti che adesso vi mostro e, in più, nel post mi sono presa la libertà di aggiungere anche alcuni titoli usciti a fine mese scorso che non sono riuscita a includere nel post precedente. Pronti alla carrellata?

Il primo romanzo che vi presento è una sorta di fantasy per ragazzi molto acclamato all'estero. La trama sembra davvero promettente e originale, dunque mi auguro vivamente che sia all'altezza delle aspettative! Personalmente comunque apprezzo molto la cover italiana.
Titolo: La ragazza di mezzanotte
Autrice: Melissa Grey
Serie: THE GIRL AT MIDNIGHT #1
Editore: Mondadori
Pagine: 372
Prezzo cartonato: 17,00 €
Prezzo ebook: N/D
In libreria: 21 giugno
Trama: Echo ha diciassette anni, è sveglia, indipendente e coraggiosa. Da quando, ancora bambina, è scappata di casa, vive di furti e abita nella biblioteca pubblica di New York. Qui ha conosciuto l’Ala, la veggente degli Avicen, una popolazione di uomini-uccello che vive segretamente nel sottosuolo di New York. Da quel momento la sua vita è cambiata: Echo adesso viaggia attraverso il mondo intermedio, è in grado di usare la magia ed è coinvolta nella sanguinosa guerra degli Avicen contro i Drakharin. E proprio a Echo viene affidato il compito di trovare l’uccello di fuoco, la creatura leggendaria che può mettere fine al secolare conflitto. Ma le cose non sempre vanno come ci si aspetta, ed Echo dovrà mettere in discussione tutte le sue certezze.

A seguire ci sono due mistery, il primo per ragazzi, il secondo per adulti. Entrambi presentano trame davvero parecchio intriganti, mi piacerebbe poterne leggere uno per staccare un po' la spina dalle solite letture.

venerdì 10 giugno 2016

Recensione "La chimera di Praga" di Laini Taylor

Buongiorno lettori, come state? Finalmente il week end è alle porte, non vedo l'ora di potermi rilassare un po' e di avere tempo per progettare la vacanza estiva in montagna che ho in programma di fare a fine luglio col mio ragazzo. Mettendo da parte le chiacchiere comunque, oggi voglio parlarvi de La chimera di Praga di Laini Taylor, romanzo di cui ho rimandato la lettura per non so quanto tempo e che ha finito col rubarmi il cuore!



La chimera di Praga
Laini Taylor
Editore Fazi ● Pagine 383
Cartonato 15,90 € ● Brossura 14,50 € ● Ebook 5,99 €

Trama: Karou ha 17 anni, è una studentessa d'arte e per le strade di Praga, la città in cui vive, non passa inosservata: i suoi capelli sono di un naturale blu elettrico, la sua pelle è ricoperta da un'intricata filigrana di tatuaggi, parla più di venti lingue e riempie il suo album da disegno di assurde storie di mostri. Spesso scompare per giorni, ma nessuno sospetta che quelle assenze nascondano un oscuro segreto. Figlia adottiva di Sulphurus, il demone chimera, la ragazza attraversa porte magiche disseminate per il mondo per scovare i macabri ingredienti dei riti di Sulphurus: i denti di ogni razza umana e animale. Ma quando Karou scorge il nero marchio di una mano impresso su una di quelle porte, comprende che qualcosa di enorme e pericoloso sta accadendo e che tutto il suo universo, scisso tra l'esistenza umana e quella tra le chimere, è minacciato. Ciò che si sta scatenando è il culmine di una guerra millenaria tra gli angeli, esseri perfetti ma senz'anima, e le chimere, creature orride e grottesche solo nell'aspetto esteriore; è il conflitto tra le figure principi del mito cristiano e quelle dell'immaginario pagano. Nel disperato tentativo di aiutare la sua "famiglia" Karou si scontra con la terribile bellezza di Akiva, il serafino che per amore le risparmierà la vita.



Recensione
Karou è un'adolescente parecchio insolita e singolare. Anche se ha soltanto diciassette anni vive da sola, ha i capelli blu e nel tempo libero, riempie il suo album da disegno con ritratti di strane creature dalle forme piuttosto fantasiose. Quello che la gente non sa però, è che Karou non ha mai conosciuto i suoi genitori. In realtà però, non si è mai nemmeno posta il problema. La sua "famiglia" è formata proprio da quelle creature che le piace ritrarre, ovvero da chimere, esseri dalle sembianze in parte umane e in parte animali, che l'hanno cresciuta insieme e che le sono stati vicino fin da quando lei ne ha memoria.